Vai al contenuto

Questo sito utilizza i cookie per migliorare i servizi e l'esperienza degli utenti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui. Per rimuovere questo messaggio, clicca sul seguente bottone:    Ho capito, accetto

Terapia Chirurgica Delle Recessioni Gengivali Con Caf + Matrice Collagenica

CAF collagen matrix Xenograft recessioni gengivali chirurgia mucogengivale CEJ

  • Per cortesia connettiti per rispondere


Visualizza tutti i messaggi del topic
20 risposte a questa discussione

#1 Giacomo Tarquini ONLINE  

Giacomo Tarquini

    Elite Member

  • Moderatore Implantologia
  • Messaggi: 5586 
  • Eta': 47
  • Iscritto il 20-giugno 05
  • Cittą: Roma
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Parodontologia
  • Socio: ---

Inviato 14 gennaio 2015 - 10:19

Nella terapia chirurgica delle recessioni gengivali di Classe 1 e 2 sec. Miller il cosiddetto "state-of-the-art" e' rappresentato dall' adozione di tecniche bilaminari consistenti in un lembo a scorrimento coronale associato all' innesto libero di tessuto connettivo prelevato dalla fibromucosa palatina (CAF + CTG)
 
(cfr. Cairo et al. 2008, Cortellini 2009, Chambrone et al. 2010)
 
Nonostante le recenti evoluzioni nella tecnica chirurgica (Zucchelli 2009) il prelievo dal palato incide significativamente sia sul decorso postoperatorio che sull' allungamento del cosiddetto "chair time", il tutto a discapito della compliance del paziente (Cairo et al. 2008, Chambrone et al. 2010)
 
Allo scopo di evitare questi inconvenienti sono gia' da tempo presenti sul mercato sostituti a base di una matrice tridimensionale collagenica di origine animale (McGuire 2010, Vignoletti 2011, Jepsen 2013) che hanno dimostrato un' ottima performance clinica. 
 
Viene di seguito presentato un caso di recessione gengivale risolto mediante l' impiego della tecnica sopra descritta.
 
Foto cliniche preoperatorie
 
GESTIONE TESSUTI MOLLI_701.jpg
 
GESTIONE TESSUTI MOLLI_702.jpg
 
GESTIONE TESSUTI MOLLI_703.jpg
 
Viene posta diagnosi di recessione di Classe 2 sec. Miller associata ad erosione cervicale.
 
L' approccio corretto consiste nell' individuare innanzitutto il livello di massima ricopertura ottenibile (MRC) per suddividere la zona da sottoporre a restauro conservativo (coronale alla MRC) dalla zona che sara' interessata dalla procedura chirurgica (apicale alla MRC).
 
(cfr, Zucchelli 2006, Allegri 2010)
 
GESTIONE TESSUTI MOLLI_848.jpg
 
GESTIONE TESSUTI MOLLI_847.jpg

Messaggio modificato da Giacomo Tarquini, 17 dicembre 2015 - 13:48

  • Carlo Giacovazzo piace questo

#2 Giacomo Tarquini ONLINE  

Giacomo Tarquini

    Elite Member

  • Moderatore Implantologia
  • Messaggi: 5586 
  • Eta': 47
  • Iscritto il 20-giugno 05
  • Cittą: Roma
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Parodontologia
  • Socio: ---

Inviato 14 gennaio 2015 - 10:23

Dopo aver individuato tale limite, la parte coronale ad esso viene adeguatamente restaurata (contemporaneamente o in una seduta precedente alla chirurgia).

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_704.jpg

 

La porzione radicolare esposta viene accuratamente levigata sotto ingrandimenti (4,5 x) a cielo coperto facendo attenzione a non ledere i delicati tessuti marginali.

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_705.jpg

 

In alternativa, la stessa puo' essere levigata a cielo aperto previo sondaggio e misurazione del CAL onde evitare di asportare le fibre del legamento parodontale.

 



#3 Giacomo Tarquini ONLINE  

Giacomo Tarquini

    Elite Member

  • Moderatore Implantologia
  • Messaggi: 5586 
  • Eta': 47
  • Iscritto il 20-giugno 05
  • Cittą: Roma
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Parodontologia
  • Socio: ---

Inviato 14 gennaio 2015 - 10:36

La tecnica chirurgica consiste nel lembo a scorrimento coronale modificato sec. Zucchelli (approccio "split-full-split") 

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_706.jpg

 

E' estremamente importante la passivita' del lembo in quanto un' eccessiva tensione aumenta il rischio di deiscenza della ferita chirurgica esitando in una guarigione non ottimale (cfr. Pini-Prato 2005)

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_977.jpg

 

Il raggiungimento di questa passivita' e' testimoniato dal fatto che, anche in assenza di suture o di trazione, il lembo giace oltre 1 mm. dalla CEJ 

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_707.jpg

 

Di seguito, una matrice tridimensionale collagenica viene suturata al letto ricevente mediante punti riassorbibili in posizione leggermente coronale alla CEJ.

 

Dal punto di vista operativo va evidenziato che tale matrice presenta due lati: uno piu' rugoso (rivolto verso il letto ricevente) e uno piu' liscio (rivolto verso l' intradosso del lembo)

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_708.jpg

 

Come ultimo tempo chirurgico viene effettuata la sutura in poliestere 6-0 consistente in punti staccati per chiudere le incisioni verticali di svincolo e una sutura a fionda ("sling suture") sospesa intorno all' elemento interessato

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_709.jpg

 

E' di cruciale importanza che la sutura sia assolutamente priva di tensione (cfr Pini-Prato 2000)

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_978.jpg


Messaggio modificato da Giacomo Tarquini, 25 gennaio 2016 - 17:50


#4 Giacomo Tarquini ONLINE  

Giacomo Tarquini

    Elite Member

  • Moderatore Implantologia
  • Messaggi: 5586 
  • Eta': 47
  • Iscritto il 20-giugno 05
  • Cittą: Roma
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Parodontologia
  • Socio: ---

Inviato 14 gennaio 2015 - 10:44

Dal punto di vista istologico (cfr. Vignoletti 2011) la guarigione esitera' nella totale incorporazione della matrice collagenica all' interno del tessuto connettivo ricevente, in una minor quantita' di attacco epiteliale lungo e una maggior quantita' di nuovo cemento a tutto vantaggio della stabilita' dei risultati raggiunti rispetto al solo CAF

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_981.jpg

 

Bibliografia a supporto

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_980.jpg

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_714.jpg

 

Guarigione a 4 mesi

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_710.jpg

 

Confronto pre- e post-operatorio

 

GESTIONE TESSUTI MOLLI_976.jpg

 

 

un saluto

Giacomo

 

 


  • Giuseppe Riccardi piace questo

#5 emanuele mansutti OFFLINE  

emanuele mansutti

    Elite Member

  • Elite
  • Messaggi: 1870 
  • Eta': 63
  • Iscritto il 04-luglio 06
  • Cittą: udine
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Generico
  • Socio: ANDI

Inviato 14 gennaio 2015 - 12:47

Ma perchè non togliete di mezzo la scritta del V/s nome sulle foto:non si può apprezzare così, non si vede bene, almeno spostatela dove non rompe! Lamentela rivolta a tutti quelli che postano foto, non a Giacomo in particoare.Grazie e scusate.


  • Giancarlo Dal Ponte e Carlo Giacovazzo piace questo

#6 Claudio De Rinaldis OFFLINE  

Claudio De Rinaldis

    Senior Member

  • Senior Member
  • Messaggi: 850 
  • Eta': 37
  • Iscritto il 09-marzo 09
  • Cittą: lecce
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Generico
  • Socio: ---

Inviato 14 gennaio 2015 - 15:31

Come al solito bellissimo e ben documentato sia come foto che come bibliografia 

Oso una domanda:
Ma che cambia dal condress? A parte i costi. ...

#7 Claudio De Rinaldis OFFLINE  

Claudio De Rinaldis

    Senior Member

  • Senior Member
  • Messaggi: 850 
  • Eta': 37
  • Iscritto il 09-marzo 09
  • Cittą: lecce
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Generico
  • Socio: ---

Inviato 14 gennaio 2015 - 15:35

Ma perchè non togliete di mezzo la scritta del V/s nome sulle foto:non si può apprezzare così, non si vede bene, almeno spostatela dove non rompe! Lamentela rivolta a tutti quelli che postano foto, non a Giacomo in particoare.Grazie 

Affinché a qualcuno non venga in mente di usare le foto o i casi anche solo come dimostativi. Non solo ci fa il piacere di condividerli ci manca pure che qualcuno se li freghi...

#8 Daniele Mangiaracina ONLINE  

Daniele Mangiaracina

    Senior Member

  • Senior Member
  • Messaggi: 649 
  • Eta': 48
  • Iscritto il 05-settembre 05
  • Cittą: Castiglione della pescaia
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Generico
  • Socio: ---

Inviato 16 gennaio 2015 - 07:43

ciao Giacomo,
dopo un bellissimo risultato come questo,vai anche ad indagare/eliminare le cause che hanno originato la lesione?non ti preoccupano eventuali recidive?
grazie

#9 Giacomo Tarquini ONLINE  

Giacomo Tarquini

    Elite Member

  • Moderatore Implantologia
  • Messaggi: 5586 
  • Eta': 47
  • Iscritto il 20-giugno 05
  • Cittą: Roma
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Parodontologia
  • Socio: ---

Inviato 16 gennaio 2015 - 12:17

Ciao Daniele, naturalmente gia' prima della terapia chirurgica devono essere corretti tutti quei fattori eziologici (in questo caso trauma da spazzolamento orizzontale associato a spazzolino con setole estremamente dure) che possono dare origine a recessioni gengivali.

 

Allego un' immagine ad esempio di quanto scritto.

 

CHIRURGIA PLASTICA MUCOGENGIVALE_655.jpg

 

un saluto

Giacomo



#10 Giacomo Tarquini ONLINE  

Giacomo Tarquini

    Elite Member

  • Moderatore Implantologia
  • Messaggi: 5586 
  • Eta': 47
  • Iscritto il 20-giugno 05
  • Cittą: Roma
  • Qualifica:Odontoiatra
  • Specialitą: Parodontologia
  • Socio: ---

Inviato 16 gennaio 2015 - 12:21

NB: nello schema ho associato a ben tre punti interrogativi (???) la voce "trauma da occlusione" poiche' a tutt' oggi non esiste alcuna documentazione scientifica che provi un rapporto di causa/effetto, eccezion fatta per il morso profondo nel quale il margine incisale dei denti superiori traumatizzi direttamente il margine gengivale degli elementi antagonisti.

 

NB 2: anche le infezioni da herpes simplex con localizzazione al margine gengivale - ancorche' non riportate nell' immagine - sono da considerarsi un fattore eziologico.

 

ciao

Giacomo


Messaggio modificato da Giacomo Tarquini, 16 gennaio 2015 - 12:23

  • Carlo Giacovazzo piace questo


Visualizza tutti i messaggi del topic






Anche taggato con CAF, collagen matrix, Xenograft, recessioni gengivali, chirurgia mucogengivale, CEJ