Vai al contenuto
  • Topic - Guida nuove funzioni (compreso il Global Forum) clicca qui
  • ODONTOline su Smartphone e Tablet clicca qui
  • Benvenuto su ODONTOline.it - Forum per Odontoiatri

    Benvenuto su ODONTOline, Network dedicato all’Odontoiatria.
    Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Giacomo Tarquini

Rimozione Di Un Impianto Endosseo Fratturato

Risposte migliori

Giacomo Tarquini    960
Giacomo Tarquini
STAFF
Inviato (modificato)

Viene presentato un caso di rimozione di un impianto fratturato  per mezzo di un dispositivo piezoelettrico con la descrizione del relativo protocollo chirurgico.

 

Paziente donna ASA 1 si presenta all' osservazione lamentando la frattura di un impianto endosseo precedentemente inserito e protesizzato.

 

All' EO si evidenzia una monoedentulia in corrispondenza dell' elemento 2.7

 

Diapositiva1.JPG.1c5ff692f8765224f43348df624556a9.JPG

 

Le indagini radiografiche di 2° livello evidenziano la frattura del corpo implantare associata ad un riassorbimento di tipo crateriforme (Classe E sec. Schwarz).

 

Inoltre, l' apice implantare e' procidente all' interno del seno mascellare.

 

Diapositiva2.JPG.d278add41423fa39387cd00425314010.JPG

 

Diapositiva3.JPG.58944ed5d57ccaa57b46d01f384c71f7.JPG

 

La fistolografia rende visibile un tramite con secrezione purulenta che dalla cresta edentula arriva al livello della cresta ossea.

 

Diapositiva4.JPG.4caa0dabae216786de50b60c22e558a6.JPG

 

Diapositiva5.JPG.bf6e64a378bf0b60885358361aaa41ef.JPG

 

Viene elevato un lembo a spessore totale con un' incisione crestale anticipata palatalmente.

 

Diapositiva6.JPG.c3c3f0bd7105819c21dd32b243dba9aa.JPG

 

Diapositiva7.JPG.0ff9887602e8b7ad53368c23cac3ec37.JPG

 

Il protocollo chirurgico, cosi' come precedentemente descritto, prevede l' impiego consecutivo di due differenti tipologie di inserto piezoelettrico: un primo inserto di forma appuntita serve alla creazione di un solco - guida all' interno del quale verra' inserito un inserto carotatore.

 

 

Diapositiva8.JPG.3a7e59329fe6c96af0e28c7f524d34ec.JPG

 

Riferimento bibliografico:

 

G. Tarquini

Rimozione di impianti endossei fratturati con l’ ausilio di un dispositivo piezoelettrico: descrizione di un caso clinico.

Implants Italia Vol. 0/2012 - Gennaio 2012

 

Diapositiva9.JPG.2c0cd49a390a278ac12f91a2fe1de41d.JPG

 

Azione del primo inserto per la creazione del solco - guida

 

Diapositiva10.JPG.a46ef4d0cd61f2806d8928e7ca5bb55c.JPG

 

L' azione del primo inserto (solco circumferenziale) e' evidenziata all' interno dal cerchio di colore azzurro.

 

Diapositiva11.JPG.b65a0281605c5571937b3200aa96a932.JPG

 

Una volta creato il solco circumferenzialmente al corpo implantare, e' possibile utilizzare l' inserto carotatore, che viene spinto con un leggero movimento di rotazione e controrotazione sino al livello dell' apice implantare.

 

In questo caso, poiche' l' impianto e' procidente nel seno mascellare, la parte terminale dell' inserto prendera' inevitabilmente contatto direttamente con la membrana di Schneider: e' pertanto di fondamentale importanza procedere con la massima delicatezza onde evitare lacerazioni involontarie della membrana sinusale.

 

Diapositiva12.JPG.2d38d761fae3e398571e57e088c8efd3.JPG

 

Al termine di questo tempo operatorio, il corpo implantare sara' completamente clivato dalla compagine ossea e avra' una mobilita' sufficiente ad essere lussato con una leva dritta e rimosso in toto.

 

Diapositiva13.JPG.5b3eb78496e72008720d74af53cc31cd.JPG

 

Diapositiva14.JPG.6766b861f15560ddb375f9e97ca5bf29.JPG

 

Prima del successivo tempo operatorio, la paziente viene sottoposto alla manovra di Valsalva per intercettare la presenza di possibili COA; in questo caso, la manovra ha dato esito negativo.

 

La cripta ossea residua viene tamponata con una spugna in collagene allo scopo di stabilizzare il coagulo ematico.

 

Diapositiva15.JPG.42f8e8706d3aa99b5658a122bd2584c3.JPG

 

L' ultimo tempo chirurgico prevede una sutura a punti staccati in poliestere 4/0

 

Diapositiva16.JPG.d80be6680466b2ef3e9c3e60a4587148.JPG

 

Il controllo radiografico postoperatorio dimostra la rimozione in toto del corpo implantare e il mantenimento dell' integrita' del pavimento del seno mascellare senza la creazione di una COA, evenienza sempre possibile in simili circostanze.

 

Diapositiva17.JPG.600d69b658690754a7b909f7d5519e86.JPG

 

Conclusioni:

 

Diapositiva18.JPG.8c200badaee4cef92f2520a0f963b9a0.JPG

 

un saluto

Giacomo

 

 

 

 

Modificato da Giacomo Tarquini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini    960
Giacomo Tarquini
STAFF

Per chiunque fosse interessato a ulteriori approfondimenti, è possibile scaricare l'articolo citato nel testo seguendo questo link: http://www.dental-tribune.com/printarchive/download/document/19857/file/163821116ca9e1b8fededa9e020e6f54_26-30.pdf

 

Un saluto

Giacomo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giovanna Perrella    12
Giovanna Perrella

e grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini    960
Giacomo Tarquini
STAFF

Prego :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Angelo Costa    51
Angelo Costa

Non mi stanco mai di leggere i tuoi posts, Giacomo!...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini    960
Giacomo Tarquini
STAFF
6 ore fa, Angelo Costa dice:

Non mi stanco mai di leggere i tuoi posts, Giacomo!...

Mi fa piacere che siano di tuo gradimento e, se hai domande, sarò ovviamente ben felice di risponderti; da parte mia, non mi stancherò mai di contribuire (per quel poco che posso) alla crescita di questo incredibile strumento di arricchimento e interscambio professionale che è il nostro Forum.

 

Un saluto 

Giacomo Tarquini 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

×