Vai al contenuto
  • Benvenuto su ODONTOline.it - Forum per Odontoiatri

    Benvenuto su ODONTOline, Network dedicato all’Odontoiatria.
    Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Giacomo Tarquini

Terapia Rigenerativa Delle Peri-implantiti: Approccio Transmucoso

Risposte migliori

Giacomo Tarquini
STAFF
Inviato (modificato)

Viene presentato un caso clinico di peri-implantite risolto mediante tecnica di Rigenerazione Ossea Guidata (GBR) con un approccio di tipo transmucoso.

 

Il paziente si presenta all' osservazione lamentando dolorabilità e sanguinamento evocato durante le manovre di igiene orale a carico di un impianto precedentemente posizionato in zona 3.5; all' esame obiettivo si evidenzia un gemizio purulento marginale.

 

I sondaggi peri-implantari e l' esame radiografico endorale indirizzano verso una diagnosi di peri-implantite.

 

Diapositiva1.thumb.JPG.56ab09ba39700f0b7e8d4c28ebc25c7a.JPG

 

Diapositiva2.thumb.JPG.eb59e3029db3f3c0b8148592a40e061f.JPG

 

In riferimento al tipo di approccio da seguire per quanto riguarda la procedura chirurgica di GBR, nonostante alcuni Autori indichino una guarigione di tipo sommerso (Roos-Jansaker, COIR 2007) ancora non è stato chiaramente dimostrata la sua superiorità rispetto ad una guarigione di tipo transmucoso.

 

L' approccio transmucoso può rivelarsi particolarmente vantaggioso nei casi in cui la rimozione della protesi sia impossibile o controindicata.

 

Diapositiva3.thumb.JPG.1d91afb1ab23b0d0fb7ae6263f8b4520.JPG

 

Viene sollevato un lembo a tutto spessore al fine di accedere alla superficie implantare e al difetto osseo associato.

 

Diapositiva4.thumb.JPG.7ee4f05d74a63f10702146968f43d367.JPG

 

Diapositiva5.thumb.JPG.78761209bde32313d06a5c17cba81eae.JPG

 

Il debridement del difetto osseo e la decontaminazione della superficie implantare vengono effettuati mediante inserti ad ultrasuoni.

 

Diapositiva6.thumb.JPG.7b78ec16a68110e9a19f1df80c58e309.JPG

 

Perforazione della corticale al fine di creare l' accesso alle sottostanti cavità midollari.

 

Diapositiva7.thumb.JPG.c7de0e1d96fccad6252b1b84af221256.JPG

 

Diapositiva8.thumb.JPG.f811df3b3096a367fb17c802baa97ca6.JPG

 

Una membrana in pericardio viene opportunamente sagomata e posizionata intorno al collo implantare.

 

Diapositiva9.thumb.JPG.07a729eb3f1734af9973261493092f93.JPG

 

Diapositiva10.thumb.JPG.1e68df8d09bd672a65fe855d2b2afedf.JPG

 

Un biomateriale di origine eterologa viene innestato all' interno del difetto osseo.

 

Diapositiva11.thumb.JPG.ea6507b6ee82b3304984d022fcecea09.JPG

 

Diapositiva12.thumb.JPG.72be976086daf2da254e0ded54e80661.JPG

 

Riferimenti bibliografici.

 

Diapositiva13.thumb.JPG.f86334ab2b5eb3fe4cd2dfc2d903cc12.JPG

 

La membrana viene riflessa sul versante buccale/linguale a protezione dell' innesto e fissata stabilmente mediante pins in titanio.

 

Diapositiva14.thumb.JPG.5c7e0084d9c10014e94c094b2def03c9.JPG

 

Riferimenti bibliografici.

 

Diapositiva15.thumb.JPG.8f74419b1215fba841e60b35904211e9.JPG

 

Dopo aver deteso adeguatamente il lembo, si procede alla sutura con un filo in PTFE 4/0.

 

Diapositiva16.thumb.JPG.d98005ed9754ca4b0583e89fb09d71e4.JPG

 

I controllo radiografici e il follow-up clinico evidenziano una remissione del quadro infiammatorio associato e una completa risoluzione del difetto osseo peri-implantare.

 

Diapositiva17.thumb.JPG.78d404f8dd8ea1965b8a95b246f636d4.JPG

 

Diapositiva18.thumb.JPG.83bb31857899c14b9497cbad1fd3e827.JPG

 

Bibliografia essenziale:

 

Tarquini G. Valutazione di un nuovo inserto ad ultrasuoni in rigenerazione tissutale guidata (GTR) : studio retrospettivo” Implants Italy; 1/2019: 16-20

 

Tarquini G. Il ruolo degli ultrasuoni in terapia chirurgica delle periimplantiti: presentazione di un caso clinico. Implant Tribune, Novembre 2017 - anno VI n. 4, pagg 1 – 7

 

Tarquini G. Trattamento chirurgico della perimplantite mediante rigenerazione ossea guidata. Italian Dental Journal 2016, Anno XI  Numero 6/2016.

 

Tarquini G. Regenerating a vertical bone defect consequent to peri-implantitis: a GBR case with an equine enzyme-treated bone substitute and a resorbable equine collagen membrane. Dental Leader Advisor Journal n°2 / April 2016

 

Tarquini G. Clinical evaluation of T – Black ultrasonic tips in oral surgery. A clinical report. American Dental news 2011 (in press)

 

Corbi S, Tarquini G, Meleo D, Pacifici L. Evaluation of a new biomaterial in guided bone regeneration. Annali di Stomatologia, Vol. LVIII (n°4) 2009 October - December

 

un saluto

Giacomo Tarquini

 

 

 

Modificato da Giacomo Tarquini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giancarlo Dal Ponte

Bel caso.

Succede qualcosa alle povere punte "piezo" lavorando sul metallo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini
STAFF
Inviato (modificato)
1 ora fa, Giancarlo Dal Ponte dice:

Bel caso.

 

Grazie, sempre troppo gentile 😊

 

1 ora fa, Giancarlo Dal Ponte dice:

Succede qualcosa alle povere punte "piezo" lavorando sul metallo?

 

Agli inserti ultrasonici non succede nulla poichè sono di acciaio, mentre potrebbe facilmente danneggiarsi la superficie implantare che è in titanio.

 

In ogni caso, evitando in questa sede di approfondire la reale valenza clinica di eventuali "graffiature" della superficie implantare, ricordo che, analogamente a quanto da me già precedentemente pubblicato sulla rigenerazione guidata (GTR) dei difetti parodontali (https://it.dental-tribune.com/clinical/rigenerazione-tissutale-guidata-gtr-in-difetti-parodontali-profondi/) nonchè dimostrato da altri Autori sia in vitro che in vivo, è consigliabile far lavorare gli inserti ultrasonici in "non - contact mode": http://epaper.dental-tribune.com/dti/5a02c029d95dd/#/6

 

un saluto

Giacomo Tarquini

Modificato da Giacomo Tarquini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giancarlo Dal Ponte

Sempre io :)

Ma questo modo contactless... rimuove veramente il film batterico?

Mi viene in mente per similitudine la placca, se non la gratti via con l' ablatore a contatto non si stacca mica. (scusa la domanda ignorante)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini
STAFF
Inviato (modificato)
2 ore fa, Giancarlo Dal Ponte dice:

Ma questo modo contactless... rimuove veramente il film batterico?

 

Lascio che a risponderti siano i dati che ho recentemente pubblicato 😊

 

CORSO_PARODONTO_MODULO_2.jpg.b75878e0d907fe8b7e4139701c45e4d7.jpg

 

2 ore fa, Giancarlo Dal Ponte dice:

Mi viene in mente per similitudine la placca, se non la gratti via con l' ablatore a contatto non si stacca mica

 

Il dispositivo in questione, pur basandosi sulla stessa tecnologia ad ultrasuoni, ha poco a che vedere con i comuni ablatori, sia per quanto riguarda la potenza che la velocità, nonchè per la forma dell' onda generata.

 

Perdonami ma meglio di cosi' non lo saprei spiegare da un punto di vista fisico; quel che è certo sono i costanti riscontri clinici, ambito nel quale mi trovo sicuramente piu' a mio agio. 😊

 

2 ore fa, Giancarlo Dal Ponte dice:

(scusa la domanda ignorante)

 

Non hai nulla di cui scusarti: come amo ripetere, l' unica domanda inutile è la domanda che ti tieni dentro... per paura di far domande inutili! 😁

 

Per ulteriori approfondimenti, rimando ad altra sede: https://corsiodontoiatriaecm.it/corso/chirurgia-plastica-parodontale-periimplantiti-gestione-tessuti-molli-periimplantari-livello-avanzato

 

un saluto

Giacomo Tarquini

 

 

 

Modificato da Giacomo Tarquini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mario Pagnanelli
STAFF

Ho capito bene, che NON hai smerigliato le spire della filettatura dell'impianto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini
STAFF
13 ore fa, Mario Pagnanelli dice:

Ho capito bene, che NON hai smerigliato le spire della filettatura dell'impianto?

 

Hai capito PERFETTAMENTE; i motivi li ho spiegati qui:

 

 

Un saluto

Giacomo Tarquini 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mario Pagnanelli
STAFF
Inviato (modificato)

Me l'ero perso...  Molto interessante.  Grazie !

Modificato da Mario Pagnanelli

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Giacomo Tarquini
STAFF

Figurati, per cosi' poco! 😊

 

un saluto

Giacomo Tarquini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere registrato per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

ODONTOline.it

E' una consolidata realtà dell'Odontoiatria italiana, creata da più di 5.000 dei suoi protagonisti: gli odontoiatri iscritti al Forum, che ogni giorno si scambiano idee, suggerimenti, aiuto, cultura, professione.
×