Vai al contenuto
  • Benvenuto su ODONTOline.it - Forum per Odontoiatri

    Benvenuto su ODONTOline, Network dedicato all’Odontoiatria.
    Registrandoti ora avrai accesso a tutte le funzionalità della piattaforma. Potrai creare discussioni, rispondere, utilizzare il sistema di messaggistica privata, inviare messaggi di stato, configurare il tuo profilo... Se già sei un utente registrato, Entra - altrimenti Registrati oggi stesso!

Sezioni speciali

Forum

  1. Casi Multidisciplinari

    Usa questa sezione per richiedere un parere su casi multidisciplinari che, interessando più branche dell’Odontoiatria, non troverebbero collocazione in una singola sezione specifica.

    10445
    messaggi
    • Giancarlo Dal Ponte
  2. Odontoiatria Clinica

    Usa questa sezione per inserire casi clinici completi di iconografia e commento. Essendo VISIBILE ANCHE A CHI NON E’ REGISTRATO, la sezione è soggetta a premoderazione

    988
    messaggi
  • corsifadok.png

  • edraok.png

  • medtutorok.png

  • Contenuti in evidenza

    • Il Fisco, i commercialisti, i fornitori, i pazienti, credono, spesso erroneamente, che il dentista sia un esperto delle questioni contabili e fiscali che regolamentano la sua professione. La loro idea è: se il dentista ha deciso di gestire un suo studio, ben saprà come comportarsi al momento di scrivere una fattura, di documentare una spesa per la deduzione, di acquistare un bene strumentale! E se non lo sa, penseranno, visto che nel fiscale gli errori, una volta commessi, non sono più rimediabili perché indietro nel tempo non si può tornare, non sarà certo imprudente e chiederà, prima, al commercialista come si deve fare. Ma non tutti i commercialisti conoscono a fondo quello che ogni giorno capita in uno studio dentistico, e poi non è detto che abbiano il tempo, i mezzi e la sempre necessaria tempestività per spiegare al dentista, e al suo personale quando c’è, come si deve fare. E in fondo, se il dentista sbaglia la colpa è sua: non è mica il commercialista che scrive le fatture, riscuote dai clienti, acquista, paga i fornitori, preleva, versa, ordina bonifici, emette assegni, usa il bancomat o la carta di credito. Tutto vero. Ma comunque rischioso per le tasche e la tranquillità del dentista. Meglio dunque imparare come si fa.

      Questo nuovo corso, unico nel suo genere, trasferirà al dentista le informazioni, e qualche “dritta”, che gli serviranno per non commettere errori, e così ridurre il “rischio fiscale inutile”, che è quello di incappare in ulteriori tasse e sanzioni pure in assenza di evasione, a causa di, a volte perfino banali, imprecisioni formali.
      • 4 commenti
  • Discussioni

  • Articoli e Casi Clinici

  • aioroma.jpg

×