Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Yesterday
  2. Last week
  3. Earlier
  4. Alberto La Paglia

    Rimozione Di Impianto Endosseo Migrato Nel Seno Mascellare

    Bello........... complimenti......sei un GRANDE!!
  5. Danilo Savini

    Rimozione Di Impianto Endosseo Migrato Nel Seno Mascellare

    Se possiamo mettere un impianto nel seno mascellare ( che è nel mascellare come via di accesso) possiamo anche levarlo dal mascellare stesso . secondo me eh! invece il mio dubbio è : ma se va a finire lì si può ancora chiamare impianto endosseo?🤔😁 complimenti insomma.
  6. Stefano Camoni

    Rimozione Di Impianto Endosseo Migrato Nel Seno Mascellare

    Bellissimo caso, c'era una infezione in corso? L'osso della finestra è stato quindi eliminato? Infine un dubbio: Noi laureati in odontoiatria non avremmo come limite anatomico il pavimento del seno? Possiamo spingerci così in là?
  7. Viene descritto un caso clinico di impianto endosseo migrato nel seno mascellare successivamente al suo inserimento Immagine clinica della situazione preoperatoria Esami radiografici di 1° e 2° livello evidenziano il posizionamento dell' impianto migrato in prossimità del C.O.M. Esposizione della faccia antero-laterale del mascellare e creazione di una botola ossea per consentire un accesso al seno mascellare di tipo Caldwell-Luc La botola ossea viene progressivamente ampliata per facilitare il ritrovamento dell' impianto Individuazione e rimozione dell' impianto migrato Sutura del lembo nucoperiosteo con monofilamento e plurifilamento di tipo riassorbibile Riferimenti bibliografici
  8. Viene descritto un caso clinico di impianto endosseo migrato nel seno mascellare successivamente al suo inserimento Immagine clinica della situazione preoperatoria Esami radiografici di 1° e 2° livello evidenziano il posizionamento dell' impianto migrato in prossimità del C.O.M. Esposizione della faccia antero-laterale del mascellare e creazione di una botola ossea per consentire un accesso al seno mascellare di tipo Caldwell-Luc La botola ossea viene progressivamente ampliata per facilitare il ritrovamento dell' impianto Individuazione e rimozione dell' impianto migrato Sutura del lembo nucoperiosteo con monofilamento e plurifilamento di tipo riassorbibile Riferimenti bibliografici un saluto Giacomo Tarquini
  9. Premesso che l'incidenza delle perforazioni della membrana di Schneider durante un rialzo del seno mascellare per via crestale con osteotomi presenta un'ampia variabilità (4%-25%) e che l'eventuale tentativo di riparazione è poco predicibile, oltre che scarsamente documentato (Chen, JIACD 2011) il mio consiglio è quello di utilizzare un protocollo chirurgico (quale, ad esempio, quello descritto nel presente caso clinico) che possa aiutare, innanzitutto, a prevenire tale complicanza. Un saluto Giacomo Tarquini
  10. Certamente, visivamente è molto difficile perciò ci si affida alla percezione tattile come dici tu, ma una volta erosa la Diploe si sente il vuoto, come evitare di perforare la membrana e se accadesse durante l'intervento di posizionamento di un impianto, si rimanda oppure si ripara e si prosegue?
  11. La percezione tattile è di fondamentale importanza per verificare la completa erosione della diploe; in determinate condizioni è inoltre possibile (come ho più volte dimostrato) osservare direttamente la membrana di Schneider attraverso l'osteotomia. Un saluto Giacomo Tarquini
  12. Ciao Giacomo, puoi suggerirmi disinteressatamente come faccio a capire esattamente quando sono già a contatto con la membrana, ho un paio di casi e non vorrei aggire con l'approccio laterale, anch'io ho l'esacrom combinato.
  13. until
    LA CHIRURGIA MINI-INVASIVA DEI TERZI MOLARI. INDICAZIONI E TECNICHE STEP BY STEP Relatore: Dott. Marco Di Dio SCARICA il programma La chirurgia mini-invasiva dei terzi molari Indicazioni e tecniche step by step.pdf Il corso è sviluppato in due giorni e prevede un insieme di lezioni frontali ricche di immagini e video di alta qualità associate alla dimostrazione di tutte le procedure chirurgiche ed ad esercitazioni pratiche dei corsisti su simulatori. Obiettivo del corso è apprendere gli step diagnostici e i protocolli clinici per effettuare interventi di chirurgia estrattiva avanzata di eccellenza. Verranno analizzati gli esami emato-chimici pre-operatori, agli esami radiografici sia bidimensionali che volumetrici per formulare il corretto piano di trattamento. Verrà analizzato l’assetto psicologico dell’operatore e del paziente nonché il loro rapporto fiduciario, fondamentale per la gestione delle complicanze e dei contenziosi. Verrà presentato tutto lo strumentario, allo stato dell’arte più idoneo e funzionale, necessario per l’esecuzione degli interventi (dai più semplici ai più complessi) ed i corsisti potranno confrontare la completezza del proprio nelle esercitazioni per poterlo poi integrare. Verranno analizzate le possibili complicanze e la loro gestione. I corsisti al termine del corso, se vorranno, potranno programmare successivamente, interventi (su dei loro pazienti) anche complessi, ma comunque a loro adeguati, da eseguire con la supervisione del Docente. SCARICA il programma La chirurgia mini-invasiva dei terzi molari Indicazioni e tecniche step by step.pdf DATE,SEDE E ORARI 13 - 14 marzo 2020 - Venerdì: 14:00 - 19:00 / Sabato: 09:00 - 14:00 Il corso si terrà a Roma presso il Best Western Hotel I Triangoli Roma in Via Ermanno Wolf Ferrari, 285, (massimo 20 partecipanti) COSTI Corso completo (con 13 Crediti ECM) € 600 + IVA. SCARICA il programma La chirurgia mini-invasiva dei terzi molari Indicazioni e tecniche step by step.pdf Per prenotare un posto è possibile cliccare qui Per informazioni: E-mail: info@corsiodontoiatriaecm.it Numero Verde: 800.592.432
  14. Viene presentato un caso clinico di rialzo del seno mascellare per via crestale con l' impiego di un dispositivo piezoelettrico Esame RX endorale preoperatorio: si evidenzia un' atrofia del processo alveolare che controindica l' inserimento di un impianto endosseo in posizione 2.7 Viene elevato un lembo a spessore totale al fine di esporre la cresta ossea edentula Preparazione iniziale del sito chirurgico mediante fresa rotante Erosione pavimento del seno mascellare mediante inserto piezoelettrico dedicato Si procede all' innesto di un biomateriale di origine eterologa Immagine intraoperatoria al termine dell' innesto Inserimento di un impianto endosseo (IT > 50 N.cm) Sutura a punti staccati in Nylon 4/0 Esame RX endorale postoperatorio: si evidenzia l' innesto di biomateriale che circonda uniformemente l' apice implantare Confronto tra la condizione pre e postoperatoria Guarigione e condizionamento dei tessuti molli periimplantari Cementazione di una corona protesica in metallo-ceramica Il controllo radiografico eseguito durante il follow-up a 12 mesi evidenzia un sostanziale mantenimento dei volumi ossei periimplantari
  15. Viene presentato un caso clinico di rialzo del seno mascellare per via crestale con l' impiego di un dispositivo piezoelettrico Esame RX endorale preoperatorio: si evidenzia un' atrofia del processo alveolare che controindica l' inserimento di un impianto endosseo in posizione 2.7 Viene elevato un lembo a spessore totale al fine di esporre la cresta ossea edentula Preparazione iniziale del sito chirurgico mediante fresa rotante Erosione pavimento del seno mascellare mediante inserto piezoelettrico dedicato Si procede all' innesto di un biomateriale di origine eterologa Immagine intraoperatoria al termine dell' innesto Inserimento di un impianto endosseo (IT > 50 N.cm) Sutura a punti staccati in Nylon 4/0 Esame RX endorale postoperatorio: si evidenzia l' innesto di biomateriale che circonda uniformemente l' apice implantare Confronto tra la condizione pre e postoperatoria Guarigione e condizionamento dei tessuti molli periimplantari Cementazione di una corona protesica in metallo-ceramica Il controllo radiografico eseguito durante il follow-up a 12 mesi evidenzia un sostanziale mantenimento dei volumi ossei periimplantari Un saluto Giacomo Tarquini
  16. Ottima GBR. Me l'ero persa. E al solito chirurgia pulita, ammirevole e didattica. Anche a me la protesi confezionata dal tecnico convince poco. Complimenti per la pubblicazione.
  17. In anteprima assoluta per ODONTOline, l' articolo che sarà pubblicato sul numero 3/2019 della rivista CAD-CAM Italy: un saluto Giacomo Tarquini
  18. until
    ESTETICA E FUNZIONE UN LEGAME INDISSOLUBILE DALLA DIAGNOSI AL BITE TERAPEUTICO Relatori: Dott. Simone Gismondi - Od. Enrico Ferrarelli SCARICA il programma estetica_e_funzione_un_legame_indissolubile.pdf Il corso è rivolto al giovane Odontoiatra e al collega esperto, che nella sua attività clinica desidera aumentare le sue conoscenze in ambito funzionale. Nella prima parte del corso descriveremo l’importanza della anatomia dentale non solo legata al suo aspetto estetico, ma soprattutto all’aspetto funzionale, verrà descritto come la morfologia e la funzione sono strettamente correlate. Approfondiremo l’utilizzo dell’arco facciale e delle registrazioni intraorali che ci permettono di avere modelli che sul simulatore (articolatore) replicano la posizione spaziale dei due mascellari. Attraverso questo fedele trasferimento è possibile vedere come la dinamica dei movimenti sia dipendente dalla morfologia dentale e viceversa. Approfondiremo l’importanza della semeiotica e della diagnosi attraverso l’analisi clinica e strumentale più moderna. Maggiori saranno le acquisizioni diagnostiche e più semplice sarà la realizzazione di un dispositivo che in prima istanza agirà sulla sintomatologia a carico delle strutture neuromuscolari ed in seconda battutta diventerà poi progetto iniziale della costruzione del nuovo spazio funzionale tridimensionale. LA PRATICA Ogni allievo prenderà ad uno dei colleghi partecipanti l’arco facciale di trasferimento del mascellare superiore e relative cere di occlusione, lateralità e protrusiva Ogni allievo monterà in articolatore i propri modelli e eseguirà il settaggio mediante le cere registrate Ogni caso clinico montato verrà analizzato e commentato SCARICA il programma estetica_e_funzione_un_legame_indissolubile.pdf DATE, SEDE E ORARI 31 gennaio - 01 - 02 febbraio 2020 - Venerdì 09:00 - 18:00 / Sabato 09:00 - 18:00 / Domenica 9:00 - 16:00 Il corso si terrà a Roma presso lo Studio Odontoiatrico Gismondi in via dei Monti di Primavalle 48 (massimo 10 partecipanti) COSTO corso: € 1.000 + IVA. Iscrizione 600 + IVA. Saldo 400 + IVA al primo incontro. SCARICA il programma estetica_e_funzione_un_legame_indissolubile.pdf Per prenotare un posto è possibile cliccare qui Per informazioni: E-mail: info@corsiodontoiatriaecm.it Numero Verde: 800.592.432
  19. ESTETICA E FUNZIONE UN LEGAME INDISSOLUBILE DALLA DIAGNOSI AL BITE TERAPEUTICO Relatori: Dott. Simone Gismondi - Od. Enrico Ferrarelli SCARICA il programma estetica_e_funzione_un_legame_indissolubile.pdf Il corso è rivolto al giovane Odontoiatra e al collega esperto, che nella sua attività clinica desidera aumentare le sue conoscenze in ambito funzionale. Nella prima parte del corso descriveremo l’importanza della anatomia dentale non solo legata al suo aspetto estetico, ma soprattutto all’aspetto funzionale, verrà descritto come la morfologia e la funzione sono strettamente correlate. Approfondiremo l’utilizzo dell’arco facciale e delle registrazioni intraorali che ci permettono di avere modelli che sul simulatore (articolatore) replicano la posizione spaziale dei due mascellari. Attraverso questo fedele trasferimento è possibile vedere come la dinamica dei movimenti sia dipendente dalla morfologia dentale e viceversa. Approfondiremo l’importanza della semeiotica e della diagnosi attraverso l’analisi clinica e strumentale più moderna. Maggiori saranno le acquisizioni diagnostiche e più semplice sarà la realizzazione di un dispositivo che in prima istanza agirà sulla sintomatologia a carico delle strutture neuromuscolari ed in seconda battutta diventerà poi progetto iniziale della costruzione del nuovo spazio funzionale tridimensionale. LA PRATICA Ogni allievo prenderà ad uno dei colleghi partecipanti l’arco facciale di trasferimento del mascellare superiore e relative cere di occlusione, lateralità e protrusiva Ogni allievo monterà in articolatore i propri modelli e eseguirà il settaggio mediante le cere registrate Ogni caso clinico montato verrà analizzato e commentato SCARICA il programma estetica_e_funzione_un_legame_indissolubile.pdf DATE, SEDE E ORARI 31 gennaio - 01 - 02 febbraio 2020 - Venerdì 09:00 - 18:00 / Sabato 09:00 - 18:00 / Domenica 9:00 - 16:00 Il corso si terrà a Roma presso lo Studio Odontoiatrico Gismondi in via dei Monti di Primavalle 48 (massimo 10 partecipanti) COSTO corso: € 1.000 + IVA. Iscrizione 600 + IVA. Saldo 400 + IVA al primo incontro. SCARICA il programma estetica_e_funzione_un_legame_indissolubile.pdf Per prenotare un posto è possibile cliccare qui Per informazioni: E-mail: info@corsiodontoiatriaecm.it Numero Verde: 800.592.432
  20. Ciao Emanuele, per sicurezza ho chiesto al Relatore il quale mi ha confermato che non servono competenze Informatiche specifiche o particolari, quindi, se vuoi partecipare, clicca sul tasto prenota che trovi qui https://corsiodontoiatriaecm.it/corso/software-3d-gratuiti-implantologia-guidata-progettazione-stampa-3d a presto 🙂
  21. E' un corso adatto anche agli zucconi informatici come me? Sono proprio duro eh!
  22. Belli i modelli con la cavità del seno mascellare rivestita. Non li avevo mai visti, geniali.
  23. Francesco Simoni

    [Roma] Corso Teorico Pratico Di Endodonzia 2019

    Foto dal II incontro del corso
  1. Load more activity

ODONTOline.it

E' una consolidata realtà dell'Odontoiatria italiana, creata da più di 5.000 dei suoi protagonisti: gli odontoiatri iscritti al Forum, che ogni giorno si scambiano idee, suggerimenti, aiuto, cultura, professione.
×